sabato 19 luglio 2008

Versi avversi


Anne Sexton (1928-1974)
















.
Ci sono frasi, versi, parole che da soli - anche estrapolandoli dal contesto - sembrano illuminare una stanza. Sono come i fari di un auto nel buio di una strada provinciale, sono come un raggio di sole che si intrufola tra pesanti tende; come la luce lunare o dei lampioni, in una stanza sconosciuta, magari d'albergo; una scintilla, una lingua di fuoco: luce e calore in pochi suoni, poche note messe insieme e amalgamate con l'emozione del momento, del ricordo, della prospettiva del futuro.
Voglio condividere con voi alcuni esempi, anche se non è detto che a voi facciano lo stesso effetto:


1
Non fa niente,
se intanto
non ti vestirò con l'elegante abito di Parigi
ma soltanto col fumo della sigaretta.
.
Vladimir V. Majakovskij - Il flauto di vertebre
da "A piena voce" a cura di Ignazio Ambrogio, Edizioni Accademia - 1970
.

2
Mio cigno inesausto, mio fiore lanoso,
anche un notaio ci autenticherebbe il letto
quando m'impasti e lievito come pane.
.
Anne Sexton - Canzone per una signora
da "L'estrosa abbondanza" a cura di Lo Russo, Satta Centanin, Zuccato, Crocetti Editore - 1997
.

3
Ma d'improvviso per la tenda
passerà il tremito di un'irruzione.
Misurando coi passi il silenzio
entrerai tu come il futuro.

Borís Paternàk - Non ci sarà nessuno in casa...
da "Poesie" a cura di Bruno Carnevali, Newton Compton Editori- 1986 ?
.

4
Ti prego per le case dove passano sempre cent'anni
da quando s'esce la sera a quando si ritorna la mattina.
.
Henrik Nordbrandt - Preghiera
da "Giovani poeti danesi" a cura di Maria Giacobbe, Giulio Eianudi editore - 1979 ?
.

5
Perchè sciupando la tua vita in questo angolo discreto
tu l'hai sciupata su tutta la terra.

Constantinos Kavafis - La città
da "Cinquantacinque poesie" a cura di Dalmàti e Risi, Giulio Einaudi Editore -1968
.

6
La spensieratezza è un caro peccato
caro compagno di strada e nemico mio caro!
Tu negli occhi mi hai spruzzato il riso
e la mazurca mi hai spruzzato nella vene.

Marina I. Cvetaeva
da "Poesie" a cura di Pietro Zveteremich - Universale Economica Feltrinelli, 1979


.

---------------------------------------------------------------------

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.