giovedì 16 ottobre 2008

Sporgendo denunzia al vuoto



Amelia Rosselli
(1930 -1996)

Da
Documento
1966 - 1973 ,
Garzanti -1976





La tua faccia indelebile sulla carta
se non fosse che tu esisti o esiti
fuori d'ogni consistenza
del piacere.

Hai finito per distrarmi dalla realtà
che seguo con finti e volitivi passi
tutta una storia luminosa di tamponamenti
con la mia lealtà ad un'immagine attentamente
classificata
ad assembrarne diligentemente i resti.

Assordante colpa
non ho ancora contato le estati passate
a ripetere sempre lo stesso gesto
che eri tu mia colpa preferita per
desiderio di un fine più sublime.
Verità fuori usanza nelle mie contrade,
vicinissime contrade voi sembrate ripetere
lo stesso turbinìo di pensieri
questo nostro essere prostrati dall'indicibile
indefinito tuo premere per ottenere

stanza d'albergo severa e vuota.


.
----------------------------------------------------------------------

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.