giovedì 6 agosto 2009

Vacanza


Compagni di viaggio
.

La partenza è imminente. Vacanza in un'isola del Mediterraneo.
Parto da sola, ma porto con me:
La pelle di Curzio Malaparte
Se gioventù sapesse
di Doris Lessing
Il mondo e altri luoghi di Jeanette Winterson
L'arte della gioia di Goliarda Sapienza
e, in danese, Rend mig i traditionerne di Leif Panduro. .
.
E voi che libri avete letto o leggerete nelle vostre vacanze -2009?
---
PS: Non è stato possibile scrivere commenti negli ultimi 18 post. Non so perché. Ma da adesso in poi l'impedimento tecnico (e misterioso) non dovrebbe esserci più.
---
Buon mese d'agosto a tutti i mediterranei.

---------------------------

7 commenti:

  1. På min rejse til Firenze her i august tager jeg bogen "In cold blood" af Truman Capote med. Hvorfor? Er det ikke blot en krimi som alle andre? Måske... men det er også en af de første bøger, der kombinerer drama med dokumentarisme og journalistik, skrevet af en mand, der mest var kendt for sit letlevende overfladeliv. Og så har en snart 84-årig kvinde anbefalet den, og det gør indtryk.
    Grethe

    RispondiElimina
  2. Tak Grethe. Jeg har aldrig læst noget af Capote.
    Traduco per gli italiani sinteticamente:
    A Firenze porterá cone sé "A sangue freddo" di Truman Capote. Perché? Non è forse un giallo qualunque? È uno dei primi libri in cui si abbina la narrativa al giornalismo, scritto da un uomo conosciuto soprattutto per la sua vita superficiale. Inoltre l'ha colpita il fatto che a consigliarglielo è stata una 84enne.
    .
    E cosí Truman Capote le fará compagnia a Firenze!Io non ho mai letto niente di Capote, non ancora.

    RispondiElimina
  3. Ciao Angela, buon viaggio, e tante buone cose. Rigènerati.

    Io durante l'estate mi dedico alla lettura di libri per la tesi e per l'ultimo esame, fondamentalmente. Quindi "Il fuoco greco" di Malerba (molto bello), poi Sciascia, Vassalli, e una vagonata di Canetti. Spero di poter leggere anche qualcosa "per diletto". Nello specifico, mi aspettano presto le poesie di Gian Citton.

    Un saluto.

    RispondiElimina
  4. Ciao Marina,
    spero che quando ci arriverai, scriverai un post con una poesia di Gian Citton.
    Ti auguro tanta forza per l'ultimo esame che ti aspetta.

    RispondiElimina
  5. Trascorrerò quest'estate con Simone de Beauvoir; ho riletto qualche mese fa "Una donna spezzata" e volevo continuare a leggere di donne e di vite di donne. Ho comprato "Memorie d'una ragazza perbene" e "L'invitata". Dopo le donne spezzate è stato difficile seguirla nel percorso di crescita e soprattutto in quella società delle Momorie, ma poi mi sono appassionata e penso che leggerò ancora molto di lei.

    RispondiElimina
  6. Ciao Carmen! "Memorie di una ragazza per bene" l'ho letto parecchi anni fa, in realtà non lo ricordo. "L'invitata" l'ho letto qualche anno dopo ma...non lo ricordo. Alzeimer o sono passati troppi anni? Dei due rileggerei volentieri il secondo: so che non l'ho capito del tutto allora.
    Allora buon agosto con la Simone!
    Forse ti puo' interessare il post dedicato ad un suo articolo. Lo trovi nel mese di ottobre col titolo: Che cosa è e cosa non è.
    Ciao, merci per la visita e a presto.

    RispondiElimina
  7. "L'arte della Gioia" però l'ho rimandato ad un altro momento della mia vita, e il libro di Panduro anche.

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.