giovedì 24 dicembre 2009

Frammenti di immagini


La statua di Saffo a Mitilene, isola di Lesbo.
---------------------------------------------------
..
Meraviglie delle traduzioni.
.
.
1a
Piangere nella casa d'un poeta
è vietato: non è
da noi questo cordoglio.

.
(I lirici greci - Saffo - Einaudi - 1969
Traduzione di Filippo Maria Pontani)
.

1b
perché non è concesso innalzare il lamento funebre
nella casa delle ministre delle Muse...questo a noi
non converrebbe

.
(Saffo - Poesie- A cura di Ilaria Dagnini
Newton Compton Editori - 1982).


1c
è vietato il pianto
nella casa del poeta.
Non è degno di noi.

.
(Saffo - Poesie - Estro Editrice - 1985
A cura di Jolanda Insana
)


.
*

2a
Eccoti. Finalmente. Ero tutta una smania
di te.
Rechi un rifiato all'anima, bruciante
di brama.

(Pontani)
.

2b
Sei venuta e fu un bene, io ti desideravo,
hai dato sollievo al mio cuore arso di desiderio

(Dagnini)
.

2c
che gioia
eccoti finalmente
o tu che porti ventate
d'aria fresca al cuore
arso di desiderio

(Insana)


*
.
3a
Chi è bello è bello da vedere, e basta.
Ma chi è buono sarà sùbito bello.

(Pontani)
.

3b
perché chi è bello, non è bello che il tempo di
guardarlo
chi è nobile sarà subito anche bello.

(Dagnini)
.

3c
Chi è bello
è bello a vedersi
ma chi vale
di colpo è anche bello

(Insana)
.

*
.
4a
Senza virtù il danaro
è un coinquilino amaro.

(Pontani)
.

4b
la ricchezza senza virtù è un vicino pericoloso
(Dagnini)
.

4c
è una vicina pericolosa la ricchezza senza virtù
e però dalla loro congiunzione si produce il massimo
di felicità

(Insana)

.
*

5a
Riposa
sul petto d'una morbida compagna.

(Pontani)
.

5b
dormendo sul petto di una delicata compagna
(Dagnini)
.

5c
addormentata sul petto di fresca compagna
(Insana)
.

*
.
6a
Stammi di fronte, amico,
raggia il piacere di quegli occhi belli.

(Pontani)
.

6b
fermati, amico mio,
e rivela ai miei occhi la tua grazia

(Dagnini)
.

6c
stai fermo, amore, qui di fronte
e spandi incanto d'occhi

(Insana).
.


Meraviglie delle traduzioni che sono prima di tutto "letture"!
.
Dalla prefazione di Ilaria Dagnini (Saffo - Poesie, Newton Compton Editori - 1982): "...La bellezza di certi versi isolati, isolati perché il resto è andato perduto, raggiunge vertici di suggestione e di efficacia raramente uguagliati...Certamente i legami di natura omosessuale che traspaiono dalla poesia di Saffo, isolati dagli altri vincoli spirituali della cerchia e soprattutto non considerati nel contesto storico-sociale in cui il tiaso saffico sorse, hanno costituito un vero ostacolo all'adesione totale alla poesia di Saffo.
...L'amore omosessuale rientrava fra i legami dell'associazione saffica come di molte altre comunità sia maschili che femminili della società greca arcaica ed era legato alla funzione pedagogica che si realizzava nel rapporto di guida che l'amante assumeva nei confronti dell'amato...
L'ideale d'amore e di bellezza coltivato giorno per giorno nella vita del tiaso, amato e goduto in tutte le sue manifestazioni di grazia e di dolcezza, si traduce nella poesia di Saffo nella limpidezza di un linguaggio dettato dalla chiarezza, dalla lucidità con cui questo ideale è vissuto e interpretato."
.
Da "Saffo ovvero del tradurre" di Jolanda Insana (Saffo - Poesie, Estro, 1985): "... se tradurre da una lingua a un'altra è una operazione, detta appunto interlinguistica, tradurre poesia è una doppia operazione, interlinguistica e insieme intralinguistica, dal momento che la poesia è per se stessa traduzione vuoi della voce interiore vuoi della voce anteriore..., e la parola è sempre manchevole, dice meno di quanto io voglia dire, dice altro da quello che io voglio dire, cela più di quanto scopre anche se qualche volta vale esattamente il contrario... E così il poeta-traduttore... può essere colto in flagrante, nella flagranza del testo altrui...".




.
-----------------------------------------------------------------

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.