giovedì 4 marzo 2010

Se lo è


Il mare di Trieste durante "La barcolana", regata velica internazionale.
-----------------------------------------------------------

.
"Se Trieste è una frontiera, quest'ultima diviene, in alcune opere letterarie, un modo di vivere e di sentire, una struttura psicologica e poetica. La frontiera è una striscia che divide e collega, un taglio aspro come una ferita che stenta a rimarginarsi, una zona di nessuno, un territorio misto, i cui abitanti sentono spesso di non appartenere veramente ad alcuna patria ben definita o almeno di non appartenerle con quella ovvia certezza con la quale ci si identifica, di solito col proprio paese. Il figlio di una terra di confine sente talora incerta la propria nazionalità oppure la vive con una passione che i suoi connazionali stentano a capire, sicché egli, deluso nel suo amore che non gli sembra mai abbastanza corrisposto, finisce per considerarsi il vero e leggittimo rappresentante della sua nazione, più di coloro per i quali essa è un dato pacificamente acquisito."
.
Trieste
Un'identità di frontiera
di Angelo Ara e Claudio Magris
Einaudi-1982/87
.
 
----------------------------------------------------

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.