mercoledì 22 giugno 2011

Riso scotto

Natalia Ginzburg (Palermo 1916 - Roma 1991)
in una foto del 1965.

























TI HO SPOSATO PER ALLEGRIA
di Natalia Ginzburg
Einaudi -1966
.
.
La mia prima lettura risale a quando avevo 16 anni circa, mi sembrò quella volta che non parlasse di molto, leggero, veloce, appunto di un'allegria che non capivo. A rileggerlo adesso mi accorgo che parla di parecchio, altro che di niente! Leggero certo, di una leggerezza elegantissima, allegro anche, di un'allegria seria fatta di gioia di vivere. E il personaggio femminile, Giuliana, è  insolito, soprattutto per quegli anni! Una randagia, una donna diversa, fuori dagli schemi, confusa per certi aspetti, testarda e forte per altri, intelligente certamente e senza un soldo. Diverso anche lui, Pietro, che decide di sposarla poco dopo averla incontrata, lui che randagio non è ed è avvocato e di famiglia per bene e benestante. Altri personaggi interessanti si affacciano sulla scena a volte solo attraverso i dialoghi.
Scrittura dai piccoli movimenti incalzanti, a volte ripetitivi, come il ritmo di un jazz.

---
.
Atto terzo
.
PIETRO   E' successo un piccolo inconveniente. La nostra donna di servizio Vittoria, ieri è andata dal parrucchiere, e non è più ritornata.
GIULIANA (entrando)   E' quasi pronto. Il riso è quasi cotto.
MADRE DI PIETRO   Buongiorno.
GINESTRA   Buongiorno.
GIULIANA   Buongiorno.
GINESTRA   Stavamo ammirando la vostra bella casa!
MADRE DI PIETRO   Io devo averla già vista, signorina, da qualche parte. Dove l'ho vista?
GIULIANA   Mi ha vista in fotografia.
MADRE DI PIETRO   No. Quella fotografia non le rassomigliava. Lei, del resto, non deve essere fotogenica. No, ho visto in qualche parte, la sua faccia. Io sono molto fisionomista. Non dimentico mai le fisionomie. Dove l'ho incontrata?
GIULIANA   Posso chiederle di non chiamarmi signorina, dato che ho sposato suo figlio, una settimana fa?
MADRE DI PIETRO   Come vi siete sposati? Dal sindaco?
GIULIANA   Sì
MADRE DI PIETRO   Io sono cattolica osservante. Per me ha valore solo il matrimonio in chiesa. Il matrimonio civile non ha valore, per me. Ad ogni modo, la chiamerò signora, se vuole.
PIETRO  Non vorresti chiamarla per nome, mamma?
MADRE DI PIETRO   Il suo nome è Giuliana?
PIETRO   Giuliana.
MADRE DI PIETRO   Un nome pretenzioso. Sarebbe stato molto meglio, semplicemente, Giulia. Come mai le hanno dato un nome così pretenzioso?
GIULIANA   E sua figlia si chiama Ginestra? Ginestra non è un nome pretenzioso?
MADRE DI PIETRO   No. Ginestra non è un nome pretenzioso. Mio marito amava molto Leopardi. L'abbiamo chiamata Ginestra per via di Leopardi. E poi anche perché io, quando l'aspettavo, mi trovavo in un posto, dove c'era una fioritura di ginestre, bellissima. A Rossignano. Eravamo, quell'anno, in villeggiatura a Rossignano. Di dove è, lei?
GIULIANA   Io sono di Pieve di Montesecco.
MADRE DI PIETRO   E dov'è questo Pieve di Montesecco?
GIULIANA   In Romagna
MADRE DI PIETRO   Ah in Romagna? Anche Rossignano è in Romagna. Conosce Rossignano?
GIULIANA   No.
MADRE DI PIETRO   Non conosce Rossignano? E' strano. Non la portavano in villeggiatura a Rossignano, da bambina? Dove la portavano?
GIULIANA   Non mi portavano in villeggiatura.
MADRE DI PIETRO   Ah non la portavano?
GIULIANA   No. Mia madre aveva altro per la testa.
MADRE DI PIETRO  Cosa aveva per la testa, sua madre?
GIULIANA   Aveva che non aveva denari. Lei e mio padre sono separati. Mio padre, quando io ero piccola, è andato via di casa.
MADRE DI PIETRO   Sì. Mio figlio m'ha accennato qualcosa. E' stata duramente provata dalla vita, sua madre?
GIULIANA   Sì.
MADRE DI PIETRO   Anch'io sono stata duramente provata dalla vita. I miei figli non mi hanno dato consolazioni. Ho perduto mio marito. Mia sorella Filippa è inchiodata su una sedia a rotelle. E ora mio figlio ha voluto darmi ancora questo grande dolore. Ha fatto un matrimonio che io disapprovo. Io non ho niente contro di lei, signorina, o signora, o Giuliana, come vuole. Ma non credo che lei sia adatta a mio figlio, né che mio figlio sia adatto a lei. Sa perché mio figlio l'ha voluto? Sa perchè ha voluto unirsi a lei?
GIULIANA   No?
MADRE DI PIETRO   Per darmi un dolore.
PIETRO   Il riso a quest'ora sarà stracotto. Andiamo a tavola!

------------------------------------------------------

4 commenti:

  1. Io leggo sempre, anche se non sempre commento .. . questo tuo post, col brano ricopiato mi ha incuriosito . . . andrò a cercare questo libro! :-)

    Grazie! Ciao, R

    RispondiElimina
  2. ciao Angela,
    sarà stato il 1972, la domenica sera verso le 19 davano sui Radio2 il teatro, ascoltai questa piece affascinato, sarà stata l'attrice, il testo allegro... ottima scelta!
    cari saluti
    Palmiro

    RispondiElimina
  3. Ciao Palmiro. Io ricordo di averlo visto in televisione, in bianco e nero, con Monica Vitti (che probabilmente faceva la parte della cameriera) e... Giorgio Albertazzi? In che anno non so, era probabilmente una replica.

    Buona estate!

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.