venerdì 8 luglio 2011

Tre veloci riflessioni

Edward Hopper: Una donna al sole - 1961


















.
Riflessioni pomeridiane, al sapore di un limoncello fatto in casa, illuminate da un sole "che spacca le pietre":

1  - Dare spazio alle minoranze non deve significare escludere la o le maggioranze.
.
2  - Il coraggio e il dolore di vivere hanno lo stesso peso
del coraggio-dolore di uccidersi.
.
3  - La solitudine è fatta di mattoni che noi stessi cementiamo uno sull'altro fino a chiudere ogni apertura: a quel punto non vediamo più il cielo, non circola più aria e siamo già sepolti.

--------------------------------------------------------------------

2 commenti:

  1. Belle e vere le tue riflessioni: la fatica di vivere, come la chiamava Italo Svevo, può essere un peso così forte che non ci fa vedere vie di uscita e tutto il coraggio allora va nella direzione opposta, non per ricominciare e per dare alla vita un' altra schance ma per lasciare tutto. Si alzano i muri attorno a sè non lasciando più passare nessuno, ci si seppellisce da soli, perdendo di vista che la vita è un dono e che merita di essere vissuta.
    Ciao
    Francesca

    RispondiElimina
  2. Esattamente. A volte è proprio così.

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.