martedì 17 gennaio 2012

Canzonando





















Dal CANZONIERE
di Francesco Petrarca
.

Sonetto XXXV
.
Solo et pensoso i piú deserti campi
vo mesurando a passi tardi et lenti,
et gli occhi porto per fuggire intenti
ove vestigio human l’arena stampi.
.
Altro schermo non trovo che mi scampi
dal manifesto accorger de le genti,
perché negli atti d’alegrezza spenti
di fuor si legge com’io dentro avampi:
.
sì ch’io mi credo omai che monti et piagge
et fiumi et selve sappian di che tempre
sia la mia vita, ch’è celata altrui.
.
Ma pur sí aspre vie né sí selvagge
cercar non so ch’Amor non venga sempre
ragionando con meco, et io co’llui.
.
-
Fonte on line per il testo (G. Contini, Einaudi - 1964):
 http://it.wikisource.org/wiki/Canzoniere_(Rerum_vulgarium_fragmenta)/Solo_et_pensoso_i_pi%C3%BA_deserti_campi
.
.
In parole povere, mie, e in un italiano attuale e quotidiano, sarebbe circa così:
Me ne vado solo/a e penserioso/a in giro per la campagna, faccio le mie passeggiate lentamente, rimuginando e soffrendo da morire. Cerco assolutamente di nascondermi agli altri non appena li sento arrivare...ho bisogno di stare da solo/a.
L'amore è bello... ma fa anche male quando è "impossibile"!
Non riesco a trovare un modo migliore per evitare che qualcuno si accorga di questa mia cocente passione che mi brucia... Dio, come brucia! Non riesco proprio a nasconderla! Si vede! E si vede proprio dalla mancanza di gioia nei miei gesti, nel mio modo di fare...
Ormai la natura sa tutto di me e di tutto ciò che cerco di mantenere segreto agli altri...
Non riesco a trovare strade sufficientemente selvagge e solitarie che mi permettano di sfuggire anche al pensiero del mio amore, il quale infatti, viene, putroppo, sempre a scovarmi e a torturarmi, ovunque e comunque.
...E così, sembra che io parli da solo/a, ma in realtà vado discutendo (:avanti e indietro; e sì e no; e si può fare; ma no, lascia perdere; vado e la/o convinco; ma no, parti piuttosto e lasciala/o alla sua vita; Dio come sono stufo/a; ma no, resisti che una soluzione si trova... e da capo) con Amore...il mio unico interlocutore.
.


-------------------------------------------------------------

2 commenti:

  1. Questa versione mi pare esatta ed anche un po' comica ma quando si è innamorati, come lo era lui, eterno adolescente, di un'immagine femminile illusoria e quindi perfetta, il tormento è veramente autentico. Ciao Gioia

    RispondiElimina
  2. Quando si è innamorati si è anche un po' comici!
    Non ridicoli ma un po' buffi.
    Certo l'amore per una donna, o per un uomo, comunque per una persona idealizzata, quasi mai porta a dei risultati concreti.
    Ma, o lo si impara da subito o lo si impara molto tardi, a caro prezzo!

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.