venerdì 28 settembre 2012

Carattere e destino

Alex Mac Lean: Cut Flower Fields
in photographersgallery.com




















IL CODICE DELL'ANIMA
di
James Hillman
Traduzione di Adriana Bottini
Adelphi - 1997



.
"Per molti la vocazione è di tenere accesa la lampada sotto il moggio, di porsi al servizio della via di mezzo, di restare in mezzo alla truppa. E' la vocazione all'armonia dell'uomo. E si rifiuta di identificare l'individualità con l'eccentricità. La vocazione accompagna la vita e la guida in maniera impercettibile e in forme meno vistose di quelle a cui si assiste nelle figure esemplari presentate in questo libro. Siamo tutti chiamati; lasciamo perdere gli eletti."
.
.
---

Link aggiunto il 22.4.2013: Alex Mac Lean su huffingtonpost.it



---------------------------------------------------------------------------------------

2 commenti:

  1. Sono d'accordo su quanto dice James Hillman a proposito della vocazione: tutti noi abbiamo il dovere di seguirla e di realizzarla, che sia in un lavoro che ci piace o in un progetto di vita che ingloba altro oltre ad una occupazione che ci dà soddisfazione e gratificazione. Solo in questo modo secondo me si ha la sensazione di aver vissuto la propria vita in modo pieno, nonostante gli inevitabili sbagli, problemi, intoppi che costellano sempre una esistenza.
    Le parole che hai scelto per intitolare il tuo post mi ricordano una massima di Eraclito che trovo illuminante e che penso possa intonarsi all'argomento:
    lui dice che "il carattere di un uomo è il suo destino".
    Ciao
    Francesca

    RispondiElimina
  2. Infatti!
    A pag. 317 Hillman scrive: All'inizio, prima di Socrate, prima di Platone, era Eraclito. Quelle sue tre parole, "Ethos anthropoi daimon", spesso rese con "Il carattere è il destino" sono state citate innumerevoli volte per oltre duemilacinquecento anni. Nessuno può sapere che cosa egli intendesse dire, ma pochi si sono astenuti dal proporre un'interpretazione, come testimonia il seguente elenco di traduzione in inglese.
    Il carattere dell'Uomo è il suo Genio.
    Il carattere dell'uomo è il suo 'daimon'.
    Il carattere di un uomo è la sua divinità protettrice.
    Il carattere di un uomo è la sua parte immortale e potenzialmente divina.
    Il carattere personale dell'uomo è il suo 'daimon'.
    Il carattere dell'uomo è il suo destino.
    Il carattere è il destino.
    Il carattere è destino per l'uomo.
    Abitudine per l'uomo, Dio.

    E così siamo finite/i di nuovo nel potere e nella funzione e nella magia della traduzione!

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.