giovedì 13 settembre 2012

Futuro, Silenzio, Niente

     William Abranowicz, Stairs, Sifnos, 1990,
                in photographersgallery.com























Le tre parole più strane
di Wiawa Szymborska
.
.
Quando pronuncio la parola Futuro,
la prima sillaba già va nel passato.
.
Quando pronuncio la parola Silenzio,
lo distruggo.
.
Quando pronuncio la parola Niente,
creo qualche cosa che non entra in alcun nulla.
.
.
.
Traduzione di Pietro Marchesani
.
-------------------------------------------------------------

2 commenti:

  1. Particolarmente bella la tua scelta di poesie, questa è meno struggente delle altre... Meno male. Ciao Gioia

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.