venerdì 23 novembre 2012

Tra il mare e il cielo

Book, Santorini, di William Abranowicz, 1990.
                 (phographersgallery.com)






























1- IN FONDO ALLE COSE
di Karin Boye
(traduzione di Maria Giacobbe, in Europa in versi, Il ventaglio - 1989)
.
Ho letto nel giornale che una persona è morta,
una persona il cui nome mi era noto.
Visse come me, scrisse come me dei libri, invecchiò
e ora è morta.
.
Pensa, essere morti e lasciarsi tutto alle spalle,
angoscia, paura e solitudine e l'implacabile rimorso.
.
Ma una grande giustizia si cela in fondo alle cose.
Per tutti c'è in serbo una grazia - un dono che nessuno ci ruba.
.
.
2- da PADRE PADRONE PADRETERNO
di Joyce Lussu
Gabriele Mazzotta editore - 1976
.
Le poche conquiste fatte dalle donne nella Resistenza, sia nei confronti della famiglia che della società, furono conquiste autonome, frutto di condizioni e di esperienze concrete; e arricchirono il movimento popolare di caratteri e valori umani e morali, come l'assoluto disinteresse, l'assenza di calcoli di potere per il dopo, la semplicità antiretorica del senso di giustizia, la generosità dei sentimenti, la modestia che fece sembrare naturale non chiedere riconoscimenti, né cariche, nè lodi, rientrando nella vita quotidiana come se anche il tremendo sforzo della guerra fosse stato un aspetto dei quotidiani doveri.
.
.
3 - da L'UOMO CHE VOLEVA NASCERE DONNA
di Joyce Lussu
Gabriele Mazzotta editore - 1978
.
La permissività inarticolata ha gli stessi effetti dell'autoritarismo ottuso: genera un senso di abbandono e fa dei figli degli orfani. Così il movimento del '68 divenne un immenso orfanotrofio, ghettizzato e criminalizzato sotto un fuoco concentrico.
.
.
4 - da LE STAGIONI DELLA VITA
di Hermann Hesse
(Traduzione di Volker Michels,  Mondadori - 1988)
.
Non lasciare mai cadere oziosamente le mani,
non restare mai fermo a mezza via.
Se vuoi bere a mezzogiorno il vino,
vai per tempo in cantina.
.
.
5 - da L'ARTE D'AMARE
di Erich Fromm
(Traduzione di Marilena Damiani, Il saggiatore - 1963)
.
L'uomo moderno crede di perdere qualcosa - il tempo - quando non fa le cose in fretta; eppure non sa cosa fare del tempo che guadagna, tranne che ammazzarlo.
.

6 - da LA PELLE
di Curzio Malaparte
Mondadori - 1978
.
Anche le bandiere italiane sono gloriose. Se fossero senza gloria, che gusto avremmo trovato a buttarle nel fango? Non v'è popolo al mondo che non si sia, almeno una volta, preso il gusto di buttare le proprie bandiere ai piedi dei vincitori. Anche alle più gloriose bandiere avviene d'esser buttate nel fango. La gloria, quel che gli uomini chiamano gloria, è spesso lorda di fango.


.
.
.
.
-----------------------------------------------------------------------

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.