giovedì 27 dicembre 2012

Si fa per ridere



SI FA...
PER RIDERE
LO HUMOUR GAY
IN
101
BARZELLETTE
di
Angelo Pezzana
.
A 1 euro.
Stampa Alternativa/
Nuovi Equilibri - 2011
.

.
Premesso che chi vuole ridere degli altri deve prima saper ridere di se stesso/a, premesso che l'autoironia è, secondo me, l'unica vera ironia, è un piccolo regalino natalizio a me stessa questo libricino di barzellette sui, dei e con i froci raccolte da Angelo Pezzana:
.
La mamma voleva un maschietto, papà una femminuccia. Li ho accontentati tutti e due.
.
Un travestito cammina tranquillamente per la strada, quando passa davanti a un cantiere pieno di muratori che gli urlano:"Frocio!". Al che lui, senza aspettare un secondo di più: "Muratori!".
Uno però lo guarda e gli dice: "Buongiorno, signora!". E lui: "Buongiorno, architetto!".
.
Un signore entra in un bar. Appena dentro si rende conto che c'è qualcosa di insolito. Gli bastano pochi istanti per rendersi conto che è capitato in un bar per gay. Non ci sono quasi donne e in compenso è pieno di giovanotti. Pensa di uscire, ma poi, riflettendo sui tempi che sono cambiati, che occorre liberarsi dai pregiudizi, decide di far finta di niente e di rimanere. Si avvicina al banco, e con l'aria più  disinvolta possibile ordina un vermuth.
"Chinato?" gli chiede il barista.
"No!" risponde lui terrorizzato. "In piedi e contro il muro!".
.
Una coppia etero litiga in un bar.
Entrano due gay che commentano: "Ecco come finiscono le coppie miste!".
.
Giochi di società. Intorno al tavolo, un gruppo di amici.
Uno dice: "A questo tavolo c'è un gay!".
Un altro, incuriosito, chiede: "Chi è?".
Il primo risponde:"Se mi dai un bacio te lo dico!".
.
E anche la classica che va bene per tante altre categorie fornite di autoironia:
Quanti gay ci vogliono per avvitare una lampadina?
Undici!
Uno avvita la lampadina e gli altri dieci gli gridano bravo!
.
.
---------------------------------------------------------------------

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.