venerdì 25 gennaio 2013

Triangolo nero e triangolo rosa

Risiera di San Sabba

Targa deposta dal Circolo Arcobaleno
Arcigay Arcilesbica di Trieste
dentro la Risiera di San Sabba
per ricordare le vittime omosessuali.




















GIORNATA DELLA MEMORIA

Dal sito del Museo della Risiera di San Sabba:
"La Risiera di San Sabba - stabilimento per la pilatura del riso edificato nel 1913 - venne utilizzata dopo l'8 settembre 1943 dall'occupatore nazista come campo di prigionia, e destinato in seguito allo smistamento dei deportati diretti in Germania e Polonia, al deposito dei beni razziati e alla detenzione ed eliminazione di ostaggi, partigiani, detenuti politici ed ebrei. Il 4 aprile 1944 venne messo in funzione anche un forno crematorio. Nel 1965 la Risiera di San Sabba fu dichiarata Monumento Nazionale con decreto del Presidente della Repubblica. Nel 1975 la Risiera, ristrutturata su progetto dell'architetto Romano Boico, divenne Civico Museo della Risiera di San Sabba."

Il comune di Trieste ha organizzato cerimonie, celebrazioni, attività culturali:
http://www.retecivica.trieste.it/triestecultura/new/news.asp.

Il Circolo Arcobaleno Arcigay Arcilesbica di Trieste sarà presente anche quest'anno alla cerimonia in Risiera San Sabba. Alle ore 11 del 27 gennaio. Le volontarie e i volontari deporranno una corona di fiori per ricordare le donne e gli uomini omosessuali e transessuali, vittime del nazifascismo.
Io sarò tra questi.
Per non dimenticare le persecuzioni di ogni tipo e per ricordare che c'è ancora tanto da fare prima di arrivare al pieno riconoscimento dei diritti degli omosessuali e quindi al riconoscimento della dignità della nostra differenza.

(Inoltre per/con il Circolo: Programma).


Altri link: Trieste ebraica


------------------------------------------------------------------

1 commento:

  1. E oggi arriva questa fantastica notizia che prova quanto fragile ancora sia la condizione degli omosessuali nelle varie parti del mondo:

    http://www.repubblica.it/esteri/2013/01/26/news/putin_vara_la_legge_anti-gay_vietato_persino_parlarne-51313130/?ref=HRER2-1

    Certamente domani ci sarò a respirare l'aria dell'incubo dei campi di concentramento nazifascisti e a deporre una corona! Ci sarò anche se la bora dovesse avere picchi di velocità e di aggressività da indurre la protezione civile ad allertare la popolazione triestina.


    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.