mercoledì 18 settembre 2013

L'albero gà tempo


Ricci di castagne e corteccia.
Foto di Giada Passalacqua






















LA QUERCIA
di Giada Passalacqua

In Viaggio in carovana - Narrazioni autobiografiche
a cura di Patrizia Rigoni
Azienda Servizi Sanitari DSM - Trieste 2003


26 luglio:caldo de s'ciopar
Noi stravacadi soto de ela.
Do tronchi a rente de un terzo:
zà un boscheto,
se alza sul pra a
darne un po' de fià.
Spetemo che la morte rivi.
I mii cani e mi, svodi de tuto
El pensier cori lontan
el se alza suso fra i rami
gropolosi, le foie tasi.
Le do, le tre, tutto xe fermo.
Che finissi una vita.
L'albero gà tempo
noi anca.


(26 luglio: un caldo da scoppiare. Noi stravaccati sotto di lei. Due tronchi a fianco di un terzo: già un boschetto si alza sul prato per darci fiato. Aspettiamo che la morte arrivi. I miei cani ed io, svuotati di tutto. Il pensiero corre lontano, si alza tra i rami nodosi, le foglie tacciono. Le due, le tre, tutto è fermo. Che finisca una vita. L'albero ha tempo, noi anche.)

---

Bene, oggi 22.9.2013 aggiungo la traduzione che Giada Passalacqua stessa ha scritto:


26 luglio: caldo da scoppiar
Noi stramazzati sotto a lei.
Due tronchi a fianco un terzo:
già un boschetto,
si alza sul prato
a darci un po’ di fiato.
Aspettiamo che la morte arrivi.
I miei cani e me, vuoti di tutto
Il pensiero corre lontano
si leva fra i rami
grinzosi, le foglie tacciono.
Le due, le tre, tutto è fermo,
che finisca una vita.
L’albero ha tempo,
noi pure.



---------------------------------------------------------------------

2 commenti:

  1. Ciao Angela, bene, mi sento onorata! è la prima volta che vengo pubblicata in un blog, grazie. Però ti voglio scrivere anche la traduzione in lingua italiana. A presto, giada

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.