venerdì 25 ottobre 2013

Ni d'Eve ni d'Adam

Amelie Nothomb,
foto di Jean-Baptiste Mondino





Né di Eva né di Adamo
di
Amélie Nothom

Voland - 2007
Traduzione di Monica Capuani


"Già all'aeroporto di Hiroshima ebbi un'impressione molto netta: non eravamo nel 1989. Non sapevo più in che anno fossimo: certo non nel 1945, forse negli anni Cinquanta o sessanta. Lo shock atomico aveva rallentato il corso del tempo? Non mancavano le costruzioni moderne, la gente era vestita normalmente, le macchine non erano diverse dalle altre in circolazione nel resto del Giappone. Era come se, qui, le persone vivessero in maniera più intensa che altrove. Abitare in una città con un nome che, per il pianeta intero, è simbolo di morte aveva esaltato in loro la fibra vivente; ne derivava una sensazione di ottimismo che riproduceva l'atmosfera di un'epoca in cui ancora si credeva nell'avvenire.
La constatazione mi colpì al cuore. Fui subito sopraffatta da questa città dall'atmosfera lacerante di spavalda felicità."


Link: Nothom presso casa editrice Voland



------------------------------------------------------------------------------

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.