mercoledì 15 gennaio 2014

I cassati

Jan Sonnergaard presso Gyldendal


















RADIATOR
di Jan Sonnergaard


Pubblicato in Danimarca nel 1997 dalla Gyldendal
è stato tradotto in italiano da Paolo Borioni
e pubblicato dalla Pendragon (Bologna), nel 2003,
con il contributo della Danish Literature Centre
.
Dieci racconti più o meno brevi in cui un'umanità "perdente" si muove nella capitale danese.
Premesso che faccio fatica a considerare "poveri" (nel senso economico), come vengono definiti nella quarta di copertina, i personaggi di questa raccolta, non faccio fatica invece a capire il loro senso di fallimento in una società che rispetto a quella italiana si può definire funzionante e per certi versi più esigente da una parte, più generosa, e anche più semplificata, dall'altra.
Non posso però fare a meno di osservare che nelle poche righe di presentazione sulla quarta di copertina, si sono espressi dei cliché che è necessario smentire subito: la Danimarca non è "pulita, efficiente, esempio di ordine e benessere". Chi ci vive o ci ha vissuto o la frequenta, lo sa.
Questo è il cliché che gli italiani nutrono sulla Danimarca, come in Danimarca si coltiva il cliché di un'Italia in cui si mangia assolutamente bene, si beve benissimo e a letto si fanno meravigliose esperienze. Pregiudizi positivi li chiamo io. Idealizzazioni. Etichette. Chi vive in Italia sa che a volte in Italia il cibo è avvelenato, il vino è disgustoso e a letto può non succedere proprio niente di gradevole. Contemporaneamente in Danimarca si incontrano anche strade e locali sporchi, uffici disorganizzati e impiegati o medici inefficienti.

Premesso ciò, i racconti, è vero descrivono una Copenaghen che ha difficoltà a sostenere l'immagine che sembra avere di sè stessa, di creatura femminile snella e possente in bicicletta! Non riesce a stare al passo con chi produce, realizza, rappresenta e definisce il successo. Quella di Sonnergaard è una Copenaghen fatta di disoccupati (che però prendono sussidi che quasi farebbero invidia agli impiegati statali italiani!), di studenti (anche loro con sussidio sufficiente per arrivare a fine mese se non lo si sprecasse in sigarette e birre), e di quelli la cui vita non  ha preso la direzione che speravano prendesse, nonostante gli sforzi.
E così la birra e una lunga lista di alcolici vengono consumati come acqua e i personaggi sembrano tutti sull'orlo di un burrone, a pochi millimetri dalla morte, con l'ultimo brandello di lucidità mentale a disposizione. Oppure giocano il proprio orgoglio personale sui piccoli dettagli che di fatto intralciano il loro percorso. O decidono di recuperare l'orgoglio umiliando gli altri, a caso.

In alcuni dei dieci racconti l'orlo viene superato o si deduce che verrà superato non appena il punto finale chiuderà la comunicazione con il lettore. Un sapore dunque di... oltre la fisicità delle cose, persino di  paranormale. Come in Charlotte, il racconto più lungo dove un barista maligno e imbroglione, aspetta da tempo la svolta o almeno l'entrata nel locale della donna della sua vita, che ovviamente dovrebbe essere così e cosà, ma sa benissimo che non esiste una donna simile. Dovrebbe cambiare vita piuttosto, con un atto di forza fare altro. Invece resta dov'è, resta ad annacquare le consumazioni dei clienti fissi, (donne e uomini alcolizzati), a sottrarre soldi dalla cassa aggirando i controlli del sospettoso datore di lavoro, a fingersi amico di chi può offrire da bere anche a lui. Finché un giorno nel locale entra una donna proprio come lui la sogna. Incredibile ma vero.
Per settimane e mesi lei, Charlotte, affascinerà lui e tutta la clientela fissa o del momento, pagando generosamente da bere, vincendo o perdendo ai giochi da tavolo con tutti i clienti. Stuzzicandogli il cuore e l'appetito sessuale ma mai prendendo una direzione decisiva verso il conoscersi intimamente. Una certa notte però le cose prenderanno una piega nuova: dopo il turno al bar, lui la raggiunge in un locale e dopo la seguirà in un appartamento di lusso per consumare finalmente un'intimità che supera ogni aspettativa. Ovviamente.
Ma sono stati bevuti litri di differenti alcolici e anche altre sostanze stupefacenti sono state consumate, il cervello certamente è vicino all'esplosione e produce di conseguenza immagini inaspettate. Allucinazioni, stranamente di sangue e orrori vari che sembrano non avere molto in comune con la situazione. Dopo il sesso si addormentano.

Il giorno dopo il nostro barman si ritrova solo in un appartamento vuoto, con la porta spalancata. Di Charlotte nessuna traccia né quel giorno né nei giorni seguenti. Finché qualche tempo dopo su un quotidiano si  parla di tre orrendi omicidi dei quali non si capisce il movente, in un bordello della Selandia, e varie supposizioni e teorie. Le foto delle vittime, in vita, rivelano una Charlotte splendida come sempre. Dalle indagini si presume che gli omicidi risalgano ad una data che lascia definitivamente distrutto il barman e cioè a cinque settimane prima che la donna entrasse per la prima volta nel locale!


-----------------------
.

Nota del 21.11.2016 - Jan Sonnergaard che era nato nel 1963 è morto oggi 21.11.2016.


-------------------------------------------------------------------------------------------------            

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.